RASCHERA DOP

PDO

Icon
"Raschera" cheese is produced with cow's milk, at times with the addition of sheep's or goat's milk and is historically found in the Cuneo Province. It is named after the Rascherà Lake situated in the Monregalese area, where cheese production has retained its ancient features, and follows a consolidated technique.
This cheese is traced to the end of the 1400s, proven by a lease contract of those times which documented the claims that the shepherds of the Pamparato zone paid their dues with Raschera cheese.The fodder is a fundamental element, and this is gathered in the production areas, where it is affected by the Piedmont climatic conditions.
Raschera cheese in fact is produced with milk produced and ripened at an altitude of more than 900 m above sea level, and thus bears the "Alpine" label, and when produced from November to April is tagged as "Winter Alps."
Icon

Production Area

Characteristics

How it is made

Interesting features

Labelling

European community registration

Routes

Recipe

Gnocchi di patate al raschera

Preparation

Lessate le patate in acqua salata, poi schiacciatele con il passaverdura e lasciate raffreddare. Lavorate la purea ottenuta con la farina e l'uovo, amalgamando bene fino a formare un impasto morbido e consistente. Staccatene dei tocchetti e con le mani confezionate gli gnocchi. Cuoceteli in acqua bollente salata e scolateli non appena vengano a galla.
Nel frattempo avrete fatto sciogliere il raschera con la crema di latte (o panna) e poco latte, sufficiente per rendere cremosa la salsa. Saltate il tutto in padella e servite subito.

Gli gnocchi di questa ricetta, registrata in Val Corsaglia (tra Frabosa Soprana e Montaldo di Mondovì), sono fatti classicamente con patate e farina; l'uovo serve a dare più consistenza all'impasto. A distinguerli da consimili preparazioni è il formaggio, che nelle vallate monregalesi si chiama raschera, prodotto la cui eccellenza è stata riconosciuta anche dall'Unione Europea con la denominazione di origine protetta. Tipico cacio dei margari, semigrasso, a pasta compatta, è modellato tradizionalmente in conche parallelepipede: la forma quadrangolare era la più comoda per il trasporto a valle a dorso di mulo. La menzione "di alpeggio" è riservata al raschera prodotto e stagionato sopra i 900 metri di altitudine.

Preparation Time and cooking time

Un'ora

Ingredients

Per 4 persone

FARINA DI FRUMENTO
150 grammi

LATTE
4 cucchiai

PANNA LIQUIDA FRESCA
4 cucchiai

PATATE
600 grammi

RASCHERA DI ALPEGGIO DI MEDIA STAGIONATURA
1 etto e mezzo

SALE
q.b.

UOVO PICCOLO
1